Matthew Gardiner

Matthew-Gardiner-Headshot-ok-to-crop

Header definitivo

Matthew-Gardiner-Headshot-ok-to-crop

Matthew Gardiner

Australia

 

Folded Geometry Of The Universe
La Geometria Piegata Dell’ Universo

2016

Laureato al VCA, Gardiner è stato pioniere della convergenza di origami, piegatura e robotica arrivando a generare gli Oribotics. Queste opere ritraggono un futuro alterato in cui la piegatura costituisce il tessuto fondamentale della vita, che il suo processo artistico esplora. Usando la piega come Codice di Materia, crea opere che mostrano intelligenza materiale.
Gardiner attribuisce grande valore alla collaborazione in contesti artistici e di ricerca, accumulando anni di esperienza in campi diversi come la progettazione di esperienze affettive e drammaturgia, la cura delle scienze artistiche, pubblicazioni, produzione di prototipazione rapida, codifica, origami di livello esperto e conoscenza dei materiali. Gardiner è un ricercatore chiave presso l’Ars Electronica Futurelab. Le mostre recenti includono: ORI * LAB ad Ars Electronica 2016, ORI * Coding for Matter, Kyoto, Project Genesis, Ars Electronica Linz, Surface to Structure, New York e Artists As Catalysts, Bilbao. Le attività in corso includono: dottorato sulla Piegatura e Tecnologia, e un importante programma finanziato dalla ricerca scientifica FWF PEEK: ORI * sulla lingua e l’estetica della piegatura e della tecnologia, www.matthewgardiner.net/ori

A VCA graduate, Gardiner has pioneered the convergence of origami, folding and robotics through his generations of Oribotics. These works portray an altered future in which folding forms the fundamental fabric of life, and his artistic process explores. Folding as Code for Matter, creating works that exhibit material intelligence.
Gardiner places high value on collaboration in artistic and research contexts, bringing years of experience in fields as diverse as affective experience design and dramaturgy, Art Science curation, publications, rapid prototyping manufacturing, coding, expert-level origami and knowledge of materials. Gardiner is a key researcher at the Ars Electronica Futurelab. Recent exhibitions include: ORI*LAB at Ars Electronica 2016, ORI* Coding for Matter, Kyoto, Project Genesis, Ars Electronica Linz, Surface to Structure, New York, and Artists As Catalysts, Bilbao. Current activities include, doctoral work on Folding and Technology and a major Art Science research FWF PEEK funded program: ORI* On the Language and Aesthetics of Folding and Technology, www.matthewgardiner.net/ori

www.matthewgardiner.net

Descrizione opera
Artwork description

Materiale plastico piegato
Folded plastic material

La scienza attualmente teorizza che circa l’85% dell’universo, noto come materia oscura, è piegato come un foglio di origami. Come possiamo immaginare e percepire qualcosa che non  solo è invisibile, ma può essere dedotto solo dalla matematica? Al centro della mia pratica, cerco di dare un senso alla natura attraverso lo studio del piegamento e della tecnologia, e così questa scultura è un segnaposto per la mia immaginazione per contemplare la forma infinita di un universo in continua espansione.
Con la piegatura come mia metafora, il dispiegarsi è un’espansione – il tempo scorre in avanti – l’universo è iniziato come tutte le dimensioni piegate in un unico bang dimensionale, che ha iniziato immediatamente a espandere le dimensioni, e così lo spazio-tempo è venuto alla luce. Ogni singola piega è una nuova entità spazio-temporale dimensionale, esse sono infinite, un flusso sempre in cascata di eventi strettamente connessi. Il tempo che scorre al contrario è la contrazione, la riduzione delle pieghe e degli eventi, il ritorno al nulla.
Questa scultura è un momento statico, un presente singolare, la vera opera d’arte si svolge nella vostra immaginazione. Questa scultura è quindi un segnale per l’immaginazione, per contemplare l’infinità di pieghe, seguendo la geometria infinita della forma a spirale infinitamente grande e infinitamente piccola, un universo che respira mentre il tempo oscilla tra il qui e ora e il nulla, per vedere te stesso come, una piccola parte, una piccola particella di polvere sinterizzata al laser.

Science currently theorises that approximately 85% of the universe, known as dark matter, is folded like an origami sheet. How might we imagine, and sense something that is not only invisible, but can only be inferred by mathematics? At the core of my practice, I try to make sense of nature through the study of folding and technology, and so this sculpture is a placeholder for my imagination to contemplate the infinite shape of a continually expanding universe.
With folding as my metaphor; unfolding is expansion – time flowing forward – the universe began as all dimensions folded into one single dimensional bang, and instantly commenced expanding dimensions and space-time came into being. Each single fold is a new dimensional space-time entity, they are infinite, an ever cascading flow of events intricately connected. Time flowing in reverse is contraction, the reduction of folds and events, back to nothing.
This sculpture is a static moment, a singular present, the real artwork takes place inside your imagination. This sculpture is thus a signal for your imagination to contemplate the infinity of folds, following the endless spiral shape geometry infinitely large and infinitely small, a universe breathing as time oscillates between being and nothingness, and to see yourself, a small part, a tiny particle of laser sintered powder.

footer Definitivo